h1

Training Course sulla Open Space Technology: Destinazione Armenia! Chiara ci racconta la sua esperienza.

24 aprile, 2014

La nostra volontaria locale Chiara Boniburini ha condiviso con noi la sua esperienza di Training Course in Armenia. Chiara era alla sua prima esperienza ed il corso era su questa tecnica di lavoro molto utile e con ampie possibilità applicative in svariati settori, non solo in quello dell’educazione non formale.

Il training OST for Non-Violent Actions si è svolto in Armenia, Tsakhkadzor, dal 15 al 22 marzo, con delegazioni da svariati paesi Europei e non, nonchè una delegazione italiana rappresentata dai tre partecipanti e da un formatore.

La Open Space Technology è stata applicata ad una tematica particolarmente sensibile, quella delle azioni non violente, per dare tempo, spazio e modo ai ragazzi rappresentanti di svariate organizzazioni, associazioni ed enti, di discutere e confrontarsi su questa tematica e stabilire punti comuni, nuove opzioni e modalità, attraverso questo metodo di lavoro.

 Per chi fosse interessato a partecipare a Training Course su svariate tematiche e ricevere informazioni al riguardo, invitiamo a contattarci all’indirizzo di poste segreteriagte@comune.modena.it e ad iscriversi al nostro gruppo fb “Going to Europe” . I Training Courses rientrano nelle opportunità di mobilità promosse dall?unione Europea nell’ambito del programma Erasmus +.

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Quando partii ero sinceramente emozionata e realmente curiosa di scoprire cosa nascondeva la terra di cui avevo tanto sentito parlare. Naturalmente mi ritrovai di fronte un mondo nuovo e affascinante nella sua semplicità, ricco di tradizione e rispetto per la cultura. Arrivai in aeroporto a Yerevan alle 4:30 del mattino con Marcella e Giacomo; insieme aspettammo l’organizzatore dell’evento; intanto, incontrammo già altri ragazzi che avrebbero partecipato al training. Si creò subito una certa intesa, una complicità strana, una sorta di amicizia stava già nascendo. Stanchi, ma felici, ci portarono all’ostello in cui passammo il resto della mattinata dormendo dove capitava, sedie, divani, tavoli, pavimento… tutto, purché si dormisse qualche ora! Nel pomeriggio andammo a fare un primo giro della città, molto bella e con parecchie influenze dall’era sovietica, tranquilla e ospitale, poi ci spostammo a Tsakhkadzor, un paese di montagna suggestivo e “antico”, passato, quasi dimenticato.

1962596_10203390170185920_793597987_n

Ci accolse un clima gelido, che fu subito rimpiazzato dal caldo soffocante all’interno dell’hotel, un luogo veramente lussuoso, ma che, alla fine, non si dimostrò tale sotto tutti gli aspetti a causa di imprevisti capitati durante la nostra permanenza. Il giorno successivo iniziammo il training. Ci riunirono in una grande sala circolare e ci presentarono il metodo. Si chiama Open Space Technology ed è un metodo basato sulle discussioni, sullo scambio di opinioni, di idee e aiuta a facilitare il lavoro di chi vuole realizzare progetti e di chi vuole coinvolgere la comunità e diffondere i propri messaggi. Si sceglie un argomento, il nostro era la Non-Violenza, si inizia con un “brainstorming”, con cui si trovano tutti gli altri elementi di discussione, segue un momento creativo in cui si sceglie come rappresentare il titolo dell’Open Space, le 4 regole principali e l’unica legge, ed, infine, si crea un’agenda in cui ogni partecipante è libero di inserire il topic di cui vorrà parlare quel giorno e, naturalmente, gli altri possono partecipare alle discussioni a cui sono maggiormente interessati. E il pomeriggio passava così! Devo ammettere che per me, essendo il primo training, è stato abbastanza spiazzante e ho trovato difficoltà, non a causa del gruppo, ma per il mio modo di essere, il mio carattere introverso e chiuso, che speravo di riuscire a cambiare. Ho partecipato a molte discussioni, alcune davvero interessanti, ma più che altro come “ascoltatore” ed è stato straziante non riuscire a far uscire i miei pensieri. Nella mia testa avevo una marea di cose da dire, ma appena provavo ad aprir bocca mi bloccavo, come se dimenticassi ogni singola parola. Ho comunque imparato tantissime cose, conosciuto persone che condividevano le mie stesse passioni, le idee, persone intelligenti, divertenti, con esperienze meravigliose alle spalle, che mi hanno aiutata ad apprezzare la vita e ad apprezzare me stessa un pochino di più. Credo che questo metodo sia fantastico, perché lascia un’infinità di spazio e tempo a disposizione e, alla fine, sei tu che devi essere in grado di gestirlo al meglio, metterti alla prova! I giorni successivi i partecipanti avevano la possibilità di condurre un proprio Open Space. Verso la fine della settimana, però, i topic diminuivano, non c’era più quella voglia di fare, di parlare, di osare, ma nonostante ciò l’esperienza si rilevò pienamente positiva! Dopo le attività ci si ritrovava tutti insieme a ridere, parlare, pianificare progetti futuri, si raccontavano le proprie vite. Rimanemmo la maggior parte del tempo in hotel, ma non mancò una visita al meraviglioso lago Sevan e, l’ultimo giorno lo passammo a Yerevan. L’Armenia è davvero una terra unica. La pace regna nei paesi circondati da queste magnifiche montagne, troppo grandi per essere vere, talmente belle, che ti tolgono il fiato. Ho davvero apprezzato questi 8 giorni, ho instaurato amicizie meravigliose e mi sono parecchio divertita. Porto nel cuore un’avventura fantastica, un’esperienza unica nel suo genere, di grande aiuto per la vita e per il mio futuro. Mi ritengo molto fortunata e vorrei ringraziare gli organizzatori e tutti i ragazzi che hanno reso indimenticabile questo viaggio.

Chiara

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: