h1

News dalla Georgia…

14 settembre, 2009

Continua il racconto di Marcella, la nostra volontaria SVE in Georgia…

Luglio e’ stato un mese molto intenso per il mio SVE qui in Georgia: infatti, ho partecipato a due differenti training course, uno in Inghilterra dall’8 al 14 luglio, intitolato “Under the roof of human rights”, che si e’ svolto nella cittadina di Loughborough, a pochi chilometri da Nottingham e dalla foresta di Sherwood; il secondo dal 15 al 20 luglio, intitolato “Peace is our choice”, si e’ svolto qui in Georgia, a Bakuriani, localita’ di montagna non molto lontana da Tbilisi.

Training in Bakuriani, 15-20 luglio, Georgia

In entrambi i casi, come volontaria di Youth Association DRONI, ho rappresentato la Georgia: potrete immaginare la crisi d’identita’!

Scherzi a parte, e’ stata un’occasione in entrambi i corsi per scoprire qualcosa di nuovo della cultura georgiana e per mettermi alla prova sperimentando la mia creativita’ e cercando di ricordare quel che avevo appena imparato della lingua locale.

In Inghilterra eravamo un gruppo di 18 partecipanti, provenienti da differenti paesi: Azerbaijan., Bielorussia, Bulgaria, Estonia, Georgia, Grecia, Inghilterra, Turchia, Ucraina e Ungheria. Il corso era stato organizzato dall’associazione locale ospitante, Human Rights and Equalities Charnwood (HREC) e da Youth Generation, Moldavia. Il “gender balance” e’ stato assicurato non solo per i partecipanti, ma anche per i trainers: Gary e Justina, semplicemente fantastici, con i loro approcci diversi ed egualmente utilissimi.

Gli obiettivi principali del corso erano: incrementare in noi partecipanti la comprensione dei Diritti Umani e la consapevolezza della loro importanza, nonche’ delle liberta’ fomdamentali di ogni individuo, estenderne la conoscenza e metterli in pratica, preparare nuovi facilitatori ed educatori di Diritti Umani ed impartire competenze al riguardo. Abbiamo sperimentato anche il Debriefing e abbiamo provato a confrontarci in un dibattito su temi differenti.

I nostri trainers hanno esplorato con noi e ci hanno spiegato i principi su cui si basa l’educazione non-formale, la storia, il significato, l’esistenza e l’importanza dei Diritti Umani. Inoltre, ci hanno presentato la Carta Internazionale dei Diritti e la Convenzione Europea dei Diritti Umani. Sono stati organizzati per noi workshops molto utili ed interessanti su: diritto alla salute, diritti delle donne, terrorismo, liberta’ di espressione ed opinione, discriminazione. Tutti molto utili per per acquisire una conoscenza e una consapevolezza piu’ dettagliate e specifiche su argomenti cosi’ attuali.

Un momento molto significativo e’ stata la nostra “caccia ai Diritti Umani della Dichiarazione Universale”: divisi in gruppi, ci sono stati dati alcuni articoli di cui abbiamo dovuto ricercare evidenze e testimonianze in giro per la cittadina di Loughborough, intervistando i cittadini, chiedendo il loro aiuto e facendo foto.

Altrettanto interessante l’incontro del giorno successivo con il sindaco di Loughborough, a cui abbiamo presentato i risultati della nastra caccia.

course in UK, Loughborough, 8-14 luglio 2009. Foto di gruppo col sindaco

Tra le tante attivita’ ricordo la role play, per essere coinvolti in situazioni pratiche ed indagare a fondo i Diritti Umani e i problemi ad essi connessi, recitando e calandosi in ruoli differenti, particolarmente utile come attivita’ di gruppo, una delle migliori forme di educazione non formale, per comprendere problemi di portata sociale, perche’ danno l’occasione di confrontarsi con differenti punti di vista su un medesimo problema.

E’ stata davvero una bella esperienza, quindi un ringraziamento ai trainers Gary e Justina e all’organizzatrice, Nadja dell’associazione Human Rights and Equalities Charnwood e a tutto il suo team.

Il secondo training si e’ svolto qui in Georgia a Bakuriani. Il titolo dice tutto:”Peace is our choice”.

TC in Bakuriani 15-20 luglio

Anche in questo caso eravamo un gruppo enorme, di partecipanti provenienti da paesi diversi: Georgia, Lettonia, Polonia e Russia. E cosa ancor piu’ bella e particolare, ha partecipato un ragazzo non vedente ed e’ stata un’esperienza positiva, sia per lui che per noi. Si consideri infatti, che qui in Georgia per esempio l’handicap e’ ancora vissuto come un problema da nascondere, quasi una vergogna per le famiglie: in effetti devo dire che da quando sono qui mi e’ capitato davvero raramente di incontrare ragazzi diversamente abili.

Il corso era dedicato alla prevenzione dei conflitti e alla promozione della pace, che e’ stato il leit motiv, per somiglianza e per contrasto, delle attivita’ svolte durante il training. Davvero interessante l’ambientazione: l’epoca dei cavalieri, dei codici d’onore e della tavola rotonda e noi eravamo i “difensori”, in senso metaforico, di un codice di comportamento pacifico. Attraverso ice-breakers, role plays, forum theatre e sessioni di riflessione di gruppo su concetti, idee e attivita’ di gruppo, abbiamo ragionato sul concetto di pace e di conflitto –in tutte le sue tipologie-, su differenze, stereotipi e pregiudizi, sull’attivita’ del lobbing e su cosa poter fare di concreto e allo stesso tempo semplice ed immediato per essere costruttori di pace. Lo abbiamo fatto mescolandoci alla gente del paese e cercando di parlare di pace con loro, ma allo stesso tempo raccogliendo testimonianze ed informazioni sul recente conflitto dell’agosto 2008 e cercando di coinvolgere le persone in varie attivita’. Sicuramente il fatto che vi fossero partecipanti georgiani e russi, ha permesso di lavorare su di un tema cosi’ attuale come quello della pace, alla luce dei rapporti difficili tra i due paesi.

 TC in UK, 8-14 luglio. Io che rappresento Italia e Georgia alla serata interculturale

Anche in questo caso eravamo un gruppo variegato che ha condiviso difficolta’, idee e nuove amicizie e ancora una volta devo ringraziare gli organizzatori: Giorgi di Youth Association DRONI, dove sto svolgendo il mio SVE e Liliana della Green School Association in Polonia, che hanno reso possibile questo training e ovviamente i nostri trainers, Santa e Lorenzo, rispettivamente dalla Lettonia e dall’Italia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: